Post del blog

Data or Intuition: When Should HR Rely on the Numbers?

Suzanne Lucas

Founder, Evil HR Lady

Do you operate on gut feelings a lot? You know, when you interview someone for a job and within an instant you know this person is right—or wrong—for the job? What about when you're making a big decision about a reorganization, or implementing perks that you just know employees will love?

Many HR professionals make all kinds of decisions without looking at the numbers—sometimes it works out and sometimes it doesn't. But the flip side is also true: Sometimes you look at the numbers, make your decision accordingly and things go poorly.

So, how do you know when it makes sense to use data and when to trust your gut?

The Myth of Homo Economicus

Have you ever heard of Homo Economicus? You may not know the term, but you probably know the principle. In economics, Homor Economicus is the assumption that everyone is a rational actor and will choose the option that will maximize their benefit in any situation.

While people do tend to do what they think will make them happiest, sometimes their analysis of the situation is way off the mark. And other times, they discount what will really work.

For instance, you may want to hire someone with whom you just "click." Except that situation can result in hiring someone who is great for a weekend road trip, but not the best at maximizing sales. Don't use your gut when hiring.

Instead, channel your inner Homo Economicus and use the information you know about your business and the information you know about the candidates in order to make a rational decision.

Yes, personality can be one of the items on your checklist, but using objective data allows you to avoid making an irrational—and sometimes illegal—decision. Our "guts" tend to favor people who look and sound like ourselves, which means your gut is going to tell you to hire people of the same race, gender and national origin as yourself.

Before you start the interviews, make a list of the qualifications that are critical to the success of the position, and then match up the candidates to that list. Using your data can save you a lot of headaches in the future.

But What About Perks?

I received a question from a reader recently, who asked, "Why do team building events always involve pulling people up to the stage? I hate that." Well, he's not alone. You know who loves that type of stuff? The people who plan team building events.

A team building activity is supposed to be fun—it's a perk. The same goes for other office perks you may offer—from Yoga classes to discounts at local restaurants, these things are supposed to make your employees happy.

So, why shouldn't you sit in your office and brainstorm ideas for perks? Because you might like certain things, but it doesn't mean your employees will like them. Just like the team-building exercises that only the group leader enjoys, bringing a Yoga instructor on site may satisfy your desires, but not the rest of the office's.

Instead, use data to determine what perks and programs will benefit your employees. Send out a survey. Ask for feedback. Use the results to decide where to allot the money for such programs. The results may surprise you—or they may be exactly what you thought.

Time to Fire

When you fire someone for gross misconduct—like stealing or swearing at customers—that's an easy decision, even if actually carrying out the termination is difficult. But what about when you need to do multiple layoffs for business reasons? That's when your data needs to come out in full force.

Hopefully, you've done performance appraisals over the years, and can easily rank your employees. Why is this important? Well, naturally, when you have to do a layoff, you want to keep your best employees if at all possible.

This ensures that you are keeping the consistent high performers, not just whoever you happen to like best today. It also protects you from legal challenges, since you'll be able to demonstrate your methodology for selecting people for termination.

In addition to looking at individuals, you'll need data to look at which positions really add the most value to the organization. Don't eliminate a position just because it commands a high salary, if that position is also the one bringing in the money.

Paycheck Boosts and Bonuses

It should be pretty clear that unless you do a flat cost of living increase where every employee gets the same boost (or the same percentage boost) in salary, you need to look at the data before telling employees their increases.

Why? Because you can have something called "disparate impact" which means that even though you didn't intentionally discriminate, one group got treated better than another.

You want to double check that you didn't inadvertently give higher raises to women than men, for example. You also want to make sure that your raises make sense overall.

Bottom line: In nearly any decision, data is your friend. While it's important to keep the "human" in human resources, it doesn't hurt to balance your decision with some solid numbers. You can always look at the data and make a decision to go against it, but at least you'll know that it's your gut and not the numbers that you're following.

Photo: Shutterstock

Related Resources

Want to keep learning? Explore our products, customer stories, and the latest industry insights.

CHECKLIST dellacquirente tecnologia per la selezione del personale

Whitepaper

CHECKLIST dellacquirente tecnologia per la selezione del personale

Employer branding, un aspetto da non sottovalutare. Mai.

Post del blog

Employer branding, un aspetto da non sottovalutare. Mai.

Fino a non molto tempo fa, quando mi capitava di guardare i career site delle aziende, ammesso che ne avessero uno, non potevo fare a meno di notare che erano un po’ tutti uguali; descrivevano una mission aziendale con parole molto in voga, ma sostanzialmente prive di significato, e mostravano immagini di impiegati felici e sorridenti che dichiaravano quanto meraviglioso fosse il loro lavoro. Fortunatamente le cose cambiano e sempre più aziende si rendono conto che l’employer branding è cosa seria. In particolare, cresce la consapevolezza che la reputazione che una realtà si costruisce come datore di lavoro è decisiva per attirare e fidelizzare i talenti. Fare brand è in cima ai trend 2020 Non a caso, l’employer branding è una delle tendenze che caratterizzeranno le strategie delle aziende nell’anno in corso. Secondo un’indagine di Universum, la costruzione del marchio diventerà sempre più una priorità per il business e nei prossimi cinque anni le organizzazioni si concentreranno prevalentemente su questo. La capacità delle aziende di raccontarsi è infatti sempre più importante soprattutto per attrarre i talenti che, nei settori più competitivi in particolare, hanno molte opzioni fra le quali scegliere. Come mettere in atto una strategia di employer branding La cosa migliore per attrarre candidati di valore per l’organizzazione è dunque creare un branding aziendale efficace e comunicare nel miglior modo possibile cosa si fa per i propri dipendenti. Ma come fare esattamente e da dove partire? Di seguito, qualche suggerimento su alcuni passaggi apparentemente semplici ma fondamentali per sviluppare una strategia di employer branding di successo. 1. Conoscere a fondo la value proposition dell’azienda Innanzitutto, è importate concentrarsi sulla mission, i valori, la visione e la cultura dell’azienda per identificare chiaramente quali sono le esigenze e quindi comprendere quali talenti occorre acquisire per raggiungere gli obiettivi preposti. 2. Effettuare un audit del brand Non sempre le aziende sono pienamente consapevoli della propria reputazione tra le persone in cerca di lavoro o tra i dipendenti stessi. È molto utile in questi casi condurre sondaggi interni, ricerche sui social media e controllare siti come Glassdoor per leggere le recensioni di dipendenti ed ex dipendenti. Sarà quindi possibile scoprire gli elementi che le persone apprezzano di più della cultura aziendale, metterli bene in evidenza e lavorare al miglioramento degli aspetti più deboli. 3. Scrivere una employer value proposition Una volta effettuato l’audit e stilato un elenco di valori e benefici offerti dall’azienda, è consigliabile creare una employer value proposition. Una proposta di valore del datore di lavoro è un messaggio di marketing e una promessa; quindi mai dire nulla che non sia vero o che i vostri dipendenti non condividerebbero. 4. La parola ai dipendenti Se i candidati vogliono saperne di più sul vostro brand, cercano soprattutto informazioni dai vostri attuali dipendenti. Chi infatti meglio di loro potrebbe raccontare come si vive realmente nella vostra azienda? Fate parlare le vostre persone attraverso interviste e testimonianze da condividere sul sito web. 5. Non trascurate l’onboarding Instillare un'immagine aziendale positiva inizia sicuramente da un buon processo di onboarding. È fondamentale coinvolgere le persone e far sì che siano entusiaste dei loro ruoli e dei loro team sin dall'inizio. Fornire ai nuovi dipendenti le istruzioni e gli strumenti necessari per eccellere nei loro ruoli è garanzia di transizione graduale, tassi di turnover più bassi e team più produttivi. 6. Offrire formazione e sviluppo Contrariamente a quanto si possa pensare, il motivo principale per cui le persone lasciano il lavoro non sono i soldi, ma la noia. Offrendo ai dipendenti la possibilità di perseguire opportunità di apprendimento e acquisire competenze per nuovi ruoli, dimostrerete quanto sono importanti la formazione e il miglioramento continui nella vostra azienda. Date ai vostri dipendenti la possibilità di cimentarsi con nuove sfide, sarete certi che non si annoieranno e avrete tassi di fidelizzazione migliori. 7. Create iniziative di diversity e inclusion Altro elemento molto importante è il vostro impegno nella creazione di team diversi. Investire in iniziative di D&I non solo vi permette di ottenere molti vantaggi, come idee più innovative, una cultura del posto di lavoro più forte e un migliore servizio clienti, ma è fondamentale per coltivare un’immagine positiva del brand e condividerla con nuovi gruppi di persone. In conclusione, una strategia di employer branding vi consente di controllare e modificare in positivo ciò che si dice della vostra azienda, migliorando l’acquisizione e la fidelizzazione dei talenti e riducendo i costi di assunzione e il turnover dei dipendenti.

Il selezionatore del personale oggi: 5 modelli di ruolo e 5 situazioni insolite da cui trarre ispirazione

Whitepaper

Il selezionatore del personale oggi: 5 modelli di ruolo e 5 situazioni insolite da cui trarre ispirazione

Prenota un incontro

Parla con un esperto di Cornerstone per stabilire come possiamo aiutarti riguardo alle esigenze specifiche di gestione del personale della tua organizzazione.

© Cornerstone 2022
Note legali