Strumenti di pianificazione della forza lavoro

Software per la pianificazione del personale guidata dai dati

Allinea il personale agli obiettivi dell'azienda e pianifica meglio il futuro.

Scelto da oltre 6.000 aziende in tutto il mondo

intertek
allegis
rsm
trinet
alaska airlines
ups

Allinea i talenti agli obiettivi strategici

Adattarsi e allinearsi per il successo
Modellazione di scenari
Autorizzazioni avanzate
Strumenti di compliance
Visualizzazioni intuitive
Storie di successo dei clienti Cornerstone

Storie di successo dei clienti Cornerstone

“ La creazione e l'aggiornamento dei grafici ci fa risparmiare molto tempo, l'equivalente di un dipendente a tempo pieno, che possiamo dedicare ad attività con più valore aggiunto. ”
Morten Rossing

Morten Rossing

People Systems Manager, Novo Nordisk

Esperienze connesse

Un'esperienza individuale e autogestita per la crescita delle persone

Architettura aperta

Progettata per garantire collegamenti continui e massima flessibilità

Crescita allineata

Una piattaforma di competenze in grado di collegare tutto e tutti

Visione intelligente

I motori IA dedicati svolgono il lavoro pesante al tuo posto

Esperienze connesse

Un'esperienza individuale e autogestita per la crescita delle persone

Architettura aperta

Progettata per garantire collegamenti continui e massima flessibilità

Crescita allineata

Una piattaforma di competenze in grado di collegare tutto e tutti

Visione intelligente

I motori IA dedicati svolgono il lavoro pesante al tuo posto

Cornerstone non è solo un prodotto, ma il tuo partner.

Cornerstone è più di un semplice prodotto: siamo il tuo partner.

Da oltre vent'anni siamo all'avanguardia nella gestione innovativa del talento e delle risorse umane, aiutando i nostri clienti a essere sempre un passo avanti. Il nostro team di esperti comprende appieno le sfide e le opportunità nella gestione del capitale umano, senza mai perdere di vista il successo del cliente. Lavoriamo al tuo fianco per proporre esperienze straordinarie e per raggiungere gli obiettivi che contano veramente per la tua azienda.

Related Resources

Want to keep learning? Explore our products, customer stories, and the latest industry insights.

Nestlé: Abbandonare la formazione in aula per un’esperienza formativa online personalizzata

Storie dei clienti

Nestlé: Abbandonare la formazione in aula per un’esperienza formativa online personalizzata

LGBT+ History Month Italia: quando in azienda diversità fa rima con inclusività

Post del blog

LGBT+ History Month Italia: quando in azienda diversità fa rima con inclusività

Dopo quasi 30 anni di attesa, quest’anno ad aprile è arrivato anche in Italia il primo LGBT+ History Month, un intero mese dedicato alla celebrazione della lotta per i diritti civili, per l’autodeterminazione e contro l’omotransfobia attraverso iniziative diffuse in tutta Italia. Obiettivo: combattere stigmi e pregiudizi e far crescere la consapevolezza e la conoscenza della storia della comunità arcobaleno come punto di partenza per un dialogo sull’identità, i diritti conquistati e le battaglie a venire per la comunità LGBT+ italiana. La proposta di celebrare per un mese intero la storia della comunità LGBT venne lanciata negli Stati Uniti nel gennaio del 1994 dall’insegnante Rodney Wilson, ispirato da due importanti precedenti: l’istituzione del Black History Month (1970) e del Women’s History Month (1978). Nei mesi di febbraio e marzo, infatti, si celebravano, e si celebrano ancora oggi, rispettivamente la storia afro-americana e la storia delle donne. Attraverso l’LGBT History Month, Wilson voleva ricordare la storia della comunità LGBT per stimolarne l’autodeterminazione, incoraggiare la lotta per l’eguaglianza giuridica e sociale e contrastare l’omobitransfobia. Celebrato in mesi diversi in diversi paesi del mondo, l’History Month è approdato in Italia nel mese di aprile in onore della prima manifestazione pubblica organizzata a Sanremo dalla comunità gay e lesbica italiana proprio nell’aprile del 1972, esattamente 50 anni fa. E quale migliore occasione dell’LGBT+ History Month Italia per riflettere su quanto la diversità in azienda sia fonte di ispirazione continua e di crescita? In ambito professionale, non vi sono infatti ormai più dubbi su quanto la diversità sia una ricchezza sia per le aziende sia per i lavoratori. Che si tratti di diversità culturale, generazionale, religiosa, di genere o di orientamento sessuale, la diversità contribuisce in maniera decisiva a creare un ambiente di lavoro stimolante e dinamico. Ecco perché oggi le aziende sono sempre più sensibili a questa tematica e sempre più orientate verso l’adozione di politiche strutturate di Diversity & Inclusion. Così, nel momento in cui è diventato chiaro quanto una gestione efficace della diversità potesse produrre innumerevoli benefici, in ambito aziendale si è affermato il cosiddetto Diversity Management, ossia quell’insieme di politiche volte a gestire la diversità degli individui e dei gruppi sociali nell’ambiente di lavoro con lo scopo di valorizzare il contributo unico che ciascun individuo può apportare per il raggiungimento degli obiettivi aziendali in risposta alle sfide e alle continue trasformazioni della società e del mercato. Si tratta di un approccio alla gestione delle risorse umane finalizzato alla creazione di un ambiente di lavoro inclusivo, tale da favorire l’espressione del potenziale di ciascuno, combattere la discriminazione e incentivare la libera espressione di tutti gli individui in un’ottica migliorativa della produttività dei singoli e dell’efficienza complessiva dell’organizzazione. I vantaggi di un ambiente di lavoro inclusivo Gli effetti benefici della possibilità di liberarsi da pregiudizi e luoghi comuni che impediscono di cogliere la bellezza e le opportunità derivanti dal confronto con altri modi di vivere la vita privata e familiare non possono più essere sottovalutati. Ma quali sono questi benefici? Eccone alcuni esempi Incremento dell’innovazione e della produttività. Lavoratori con background diversi portano all’interno del gruppo di lavoro competenze ed esperienze che non solo contribuiscono al miglioramento delle performance, ma favoriscono anche lo sviluppo di idee innovative. In un contesto inclusivo i collaboratori sono più motivati e, quindi, produttivi. Aumento della creatività. La molteplicità delle prospettive che background diversi ed esperienze di vita variegate portano con sé genera modi di pensare e lavorare “out-of-the-box”: la diversità, dunque, genera naturalmente creatività. Miglioramento della reputazione e dell’immagine aziendale. Un’azienda che sceglie di investire nella valorizzazione delle diversità ha la grande opportunità di fare dell’ambiente di lavoro inclusivo il proprio elemento distintivo rispetto alla concorrenza, migliorando così la propria percezione pubblica. Attrazione delle risorse migliori. Un’azienda che abbraccia la diversità promuove un’immagine positiva di sé ed è, perciò, in grado di attrarre un ampio numero di candidati interessati ad accrescere le proprie potenzialità in un ambiente di lavoro dinamico. Ed è ovvio che maggiore è il numero dei candidati, maggiori sono le possibilità di reperire talenti da assumere, desiderosi di esprimere la propria diversità e di contribuire, quindi, all’innovazione e al cambiamento.

3 ragioni per cui la skill intelligence è essenziale per il successo di un’organizzazione

Articolo

3 ragioni per cui la skill intelligence è essenziale per il successo di un’organizzazione

Siamo nel pieno di una guerra per accaparrarsi i migliori talenti. Ogni organizzazione desidera le persone migliori e si tende a pensare che le “persone migliori” siano una risorsa finita, ma il segreto è che non è vero. Le persone migliori le avete già. Portando la skill intelligence all’interno dell’organizzazione, potrete costruire le basi che agevolano la formazione, colmano lo skill gap, guidano i percorsi di carriera e garantiscono che le persone lavorino sui progetti più adatti per loro. Per vincere la guerra dei talenti è sufficiente esaminare l’elenco dei dipendenti. Quindi, se già avete le persone per vincere la guerra dei talenti, la vera domanda è: “Come posso essere sicuro che la mia organizzazione usi la skill intelligence per fare crescere le persone? Per rispondere possiamo fare tre cose, ma prima di tutto occorre avere ben chiara una cosa. Cos'è la skill intelligence? Si tratta di informazioni aggiornate e analizzate sui trend e sulle richieste di personale nel mercato del lavoro. Questi dati supportano la crescita delle persone. Tuttavia, la skill intelligence non fornisce una risposta semplice valida per tutti i dipendenti. Nel migliore dei casi, le organizzazioni la usano per adattare la formazione e i piani di sviluppo di carriera alle necessità di ciascun dipendente. Secondo un recente studio di PwC, il 37% dei candidati sarebbe disposto a vedersi ridurre il salario in cambio della possibilità di acquisire nuove competenze. Quando la skill intelligence viene usata bene, si creano vantaggi sia per le persone sia per l’organizzazione. Di seguito, tre aspetti della skill intelligence che permettono di costruire dall’interno il successo dell’organizzazione. 1) Colmare lo skill gap Per prima cosa, è necessario identificare le competenze necessarie per massimizzare il potenziale dell’organizzazione. Dopodiché, si possono collegare i dipendenti ai contenuti formativi rilevanti per i rispettivi ruoli e soddisfare le esigenze attuali e future dell’azienda. Per creare collegamenti accurati e significativi è necessario analizzare imponenti quantità di dati ed è qui che la tecnologia di skill intelligence viene in soccorso. La tecnologia di skill intelligence può identificare quali competenze la forza lavoro nel suo insieme possiede e dove sono le carenze. A questo punto, si possono allineare le competenze che le persone già possiedono e quelle che desiderano sviluppare con quelle necessarie all’organizzazione. Più le persone crescono e imparano, più cresce l’organizzazione. 2) Definire i percorsi di carriera Una delle motivazioni più forti per cui le persone desiderano dare una svolta alla propria carriera è l’opportunità di crescita offerta da un’altra azienda. Usando la skill intelligence per collegare le competenze delle persone e le modalità con cui possono continuare ad allargare le proprie conoscenze, potrete dimostrare loro quante opportunità vi siano per progredire all’interno della stessa azienda. Quando un’organizzazione investe nella crescita delle proprie persone, trattenerle è più semplice, l’employer brand ci guadagna e risulta più facile anche attirare nuovi talenti. In un mercato controllato dai candidati, ciò potrebbe fare la differenza tra riempire una posizione o no. La tecnologia di skill intelligence permette anche di instaurare conversazioni più personalizzate con le persone sui loro possibili avanzamenti, perché sarete in grado di sapere cosa possono fare, cosa vorrebbero fare e come questo si concilia con i bisogni dell’organizzazione. Il tutto prima ancora di cominciare a pianificare un meeting sullo sviluppo. 3) Assegnare i progetti in modo più efficace Al pari della tecnologia si sviluppa anche il mercato, entrambi ad altissima velocità. Essere proattivi rispetto alla skill intelligence permette di reagire rapidamente a condizioni di mercato in continua evoluzione. Potrete assegnare le giuste opportunità alle giuste persone con pochi clic. La skill intelligence rivela i progetti per cui ogni persona è più indicata e a cui desidera lavorare. Quando a un progetto vengono assegnate le persone giuste, è più semplice raggiungere gli obiettivi di business. In definitiva, per fare evolvere la vostra organizzazione in risposta ai cambiamenti del mercato, bisogna partire dalle persone. Sono le persone che fanno progredire le organizzazioni. Le informazioni fornite da una buona tecnologia di skill intelligence possono permettere di avviare conversazioni all’interno dell'organizzazione e offrire un’immagine più chiara su come le competenze delle persone possono fare crescere l’organizzazione. L’ articolo originale è stato pubblicato sul blog USA.

Prenota un incontro

Parla con un esperto di Cornerstone delle esigenze specifiche di gestione del personale della tua azienda.

© Cornerstone 2022
Note legali