Prosperare nella carenza di competenze

Ricerca

Prosperare nella carenza di competenze

La nuova realtà del lavoro sta producendo effetti a lungo termine (positivi e negativi) su organizzazioni e persone. Le organizzazioni che riescono a navigare in queste acque agitate e inesplorate devono il loro successo alla scelta di punta sullo sviluppo delle competenze dei loro addetti. Scopri come realtà di successo in tutto il mondo puntano sulle competenze per garantire che l'azienda e le sue persone possano prosperare nell'era post-pandemica, e come la tua organizzazione può fare lo stesso. Scarica l'e-book per scoprire: come le High Performing Organization si distinguono puntando sulle competenze il divario di fiducia fra datori di lavoro e dipendenti lo stato attuale dello sviluppo di competenze nel mondo tattiche concrete per distinguersi nello sviluppo delle competenze e diventare una HPO

Maggiori informazioni su Cornerstone

Scopri come possiamo aiutare la tua azienda ad attirare, sviluppare, trattenere e gestire i talenti per massimizzare i risultati aziendali.

Latest Stories

Il Total Economic Impact™ di Cornerstone Learning and Content

Ricerca

Il Total Economic Impact™ di Cornerstone Learning and Content

“Cornerstone ha fornito alle persone gli strumenti per affrontare il cambiamento.” L'apprendimento è diventato uno strumento potente a sostegno di priorità aziendali critiche, ad esempio per promuovere l'innovazione, agevolare una trasformazione continua, estendere le conoscenze oltre i confini dell'azienda, ottimizzare l'esperienza dei dipendenti e creare la forza lavoro del futuro. La pandemia ha accelerato questo cambiamento, e poche aziende guardano ora al passato. Cornerstone ha incaricato Forrester Consulting di condurre uno studio Total Economic Impact™ (TEI) e di esaminare l’impatto e il ritorno sull'investimento (ROI) che le aziende possono ottenere con Cornerstone Learning and Content. Per meglio comprendere i vantaggi, i costi e i rischi, Forrester ha intervistato quattro responsabili delle decisioni con esperienza nell'uso di abbonamenti a contenuti di formazione. Gli intervistati hanno condiviso diverse esperienze sui vantaggi ottenuti dall'uso di Cornerstone Learning. Scarica il rapporto TEI di Forrester per leggere l'analisi completa.

Prosperare nella carenza di competenze

Ricerca

Prosperare nella carenza di competenze

La nuova realtà del lavoro sta producendo effetti a lungo termine (positivi e negativi) su organizzazioni e persone. Le organizzazioni che riescono a navigare in queste acque agitate e inesplorate devono il loro successo alla scelta di punta sullo sviluppo delle competenze dei loro addetti. Scopri come realtà di successo in tutto il mondo puntano sulle competenze per garantire che l'azienda e le sue persone possano prosperare nell'era post-pandemica, e come la tua organizzazione può fare lo stesso. Scarica l'e-book per scoprire: come le High Performing Organization si distinguono puntando sulle competenze il divario di fiducia fra datori di lavoro e dipendenti lo stato attuale dello sviluppo di competenze nel mondo tattiche concrete per distinguersi nello sviluppo delle competenze e diventare una HPO

LGBT+ History Month Italia: quando in azienda diversità fa rima con inclusività

Post del blog

LGBT+ History Month Italia: quando in azienda diversità fa rima con inclusività

Dopo quasi 30 anni di attesa, quest’anno ad aprile è arrivato anche in Italia il primo LGBT+ History Month, un intero mese dedicato alla celebrazione della lotta per i diritti civili, per l’autodeterminazione e contro l’omotransfobia attraverso iniziative diffuse in tutta Italia. Obiettivo: combattere stigmi e pregiudizi e far crescere la consapevolezza e la conoscenza della storia della comunità arcobaleno come punto di partenza per un dialogo sull’identità, i diritti conquistati e le battaglie a venire per la comunità LGBT+ italiana. La proposta di celebrare per un mese intero la storia della comunità LGBT venne lanciata negli Stati Uniti nel gennaio del 1994 dall’insegnante Rodney Wilson, ispirato da due importanti precedenti: l’istituzione del Black History Month (1970) e del Women’s History Month (1978). Nei mesi di febbraio e marzo, infatti, si celebravano, e si celebrano ancora oggi, rispettivamente la storia afro-americana e la storia delle donne. Attraverso l’LGBT History Month, Wilson voleva ricordare la storia della comunità LGBT per stimolarne l’autodeterminazione, incoraggiare la lotta per l’eguaglianza giuridica e sociale e contrastare l’omobitransfobia. Celebrato in mesi diversi in diversi paesi del mondo, l’History Month è approdato in Italia nel mese di aprile in onore della prima manifestazione pubblica organizzata a Sanremo dalla comunità gay e lesbica italiana proprio nell’aprile del 1972, esattamente 50 anni fa. E quale migliore occasione dell’LGBT+ History Month Italia per riflettere su quanto la diversità in azienda sia fonte di ispirazione continua e di crescita? In ambito professionale, non vi sono infatti ormai più dubbi su quanto la diversità sia una ricchezza sia per le aziende sia per i lavoratori. Che si tratti di diversità culturale, generazionale, religiosa, di genere o di orientamento sessuale, la diversità contribuisce in maniera decisiva a creare un ambiente di lavoro stimolante e dinamico. Ecco perché oggi le aziende sono sempre più sensibili a questa tematica e sempre più orientate verso l’adozione di politiche strutturate di Diversity & Inclusion. Così, nel momento in cui è diventato chiaro quanto una gestione efficace della diversità potesse produrre innumerevoli benefici, in ambito aziendale si è affermato il cosiddetto Diversity Management, ossia quell’insieme di politiche volte a gestire la diversità degli individui e dei gruppi sociali nell’ambiente di lavoro con lo scopo di valorizzare il contributo unico che ciascun individuo può apportare per il raggiungimento degli obiettivi aziendali in risposta alle sfide e alle continue trasformazioni della società e del mercato. Si tratta di un approccio alla gestione delle risorse umane finalizzato alla creazione di un ambiente di lavoro inclusivo, tale da favorire l’espressione del potenziale di ciascuno, combattere la discriminazione e incentivare la libera espressione di tutti gli individui in un’ottica migliorativa della produttività dei singoli e dell’efficienza complessiva dell’organizzazione. I vantaggi di un ambiente di lavoro inclusivo Gli effetti benefici della possibilità di liberarsi da pregiudizi e luoghi comuni che impediscono di cogliere la bellezza e le opportunità derivanti dal confronto con altri modi di vivere la vita privata e familiare non possono più essere sottovalutati. Ma quali sono questi benefici? Eccone alcuni esempi Incremento dell’innovazione e della produttività. Lavoratori con background diversi portano all’interno del gruppo di lavoro competenze ed esperienze che non solo contribuiscono al miglioramento delle performance, ma favoriscono anche lo sviluppo di idee innovative. In un contesto inclusivo i collaboratori sono più motivati e, quindi, produttivi. Aumento della creatività. La molteplicità delle prospettive che background diversi ed esperienze di vita variegate portano con sé genera modi di pensare e lavorare “out-of-the-box”: la diversità, dunque, genera naturalmente creatività. Miglioramento della reputazione e dell’immagine aziendale. Un’azienda che sceglie di investire nella valorizzazione delle diversità ha la grande opportunità di fare dell’ambiente di lavoro inclusivo il proprio elemento distintivo rispetto alla concorrenza, migliorando così la propria percezione pubblica. Attrazione delle risorse migliori. Un’azienda che abbraccia la diversità promuove un’immagine positiva di sé ed è, perciò, in grado di attrarre un ampio numero di candidati interessati ad accrescere le proprie potenzialità in un ambiente di lavoro dinamico. Ed è ovvio che maggiore è il numero dei candidati, maggiori sono le possibilità di reperire talenti da assumere, desiderosi di esprimere la propria diversità e di contribuire, quindi, all’innovazione e al cambiamento.

Trends at Work

Quattro modi in cui un sistema LMS può trasformare la vostra organizzazione

Post del blog

Quattro modi in cui un sistema LMS può trasformare la vostra organizzazione

Parafrasando la famosa canzone di Liza Minnelli in 'Cabaret', potremmo dire oggi che ‘Learning makes the world go ‘round’. Pensiamoci. Il mondo del business cambia più velocemente che mai. Il successo arriva alle organizzazioni che sanno essere agili e reattive in un mercato in continua evoluzione. Le persone sono la vera forza delle nostre organizzazioni e devono quindi possedere le skill necessarie per affrontare il futuro. Se ci aspettiamo che i nostri collaboratori continuino ad ampliare le proprie conoscenze e innovare a favore della nostra organizzazione, dobbiamo fornire loro gli strumenti per farlo. Un buon sistema di gestione della formazione (LMS, Learning Management System) è la base per poter offrire un’esperienza di apprendimento completa. Il tutto all’interno di uno strumento efficiente, coerente e compliant. Forrester ha condotto quattro interviste con decision-maker di aziende che hanno implementato le soluzioni per la formazione e i contenuti di Cornerstone. Di seguito, alcuni dei risultati più interessanti: 1) Standardizzazione e scalabilità Le nuove dinamiche del lavoro implicano che le organizzazioni debbano essere certe di condividere con il personale messaggi chiari e coerenti. Per questo, è importante che formazione e sviluppo, in particolare per quanto riguarda l’onboarding, siano standardizzati e scalabili. La ricerca ha rilevato che i dipendenti riescono ad assimilare e comprendere chiaramente la mission di un'organizzazione, le specifiche dei prodotti e le nuove policy dopo aver utilizzato un sistema di onboarding standardizzato basato su Cornerstone. Un’organizzazione ha dichiarato di avere aumentato il suo pool di candidati del 25% grazie alla fluidità del processo di onboarding e di formazione sui prodotti, che ha permesso di risparmiare 1,1 milioni di dollari sui costi di selezione. 2) Tracciare la formazione Nel novembre 2020, la SEC (Security and Exchange Commission) ha obbligato le società quotate a rendere pubbliche le metriche relative al capitale umano, come ad esempio la percentuale di persone che hanno completato la formazione sulla compliance o la percentuale di manager che hanno ricevuto una formazione sulla leadership. Questo obbligo comporta la necessità di tracciare le attività formative. Un’organizzazione ha dichiarato di avere ricevuto una sanzione perché non era in grado di dimostrare l’effettiva offerta di formazione obbligatoria. L’organizzazione è tuttavia riuscita a evitare il pagamento della sanzione utilizzando le soluzioni per la formazione e i contenuti di Cornerstone per costruire un programma formativo completo. 3) Contenuti affidabili e flessibili Per molte organizzazioni, l’adozione del lavoro remoto è stato un evento improvviso. L’accesso a una piattaforma di apprendimento online ha dato ai manager la possibilità di reagire rapidamente e rispondere alle richieste del mercato senza perdere un colpo. La ricerca dimostra che i contenuti di Cornerstone hanno aiutato le organizzazioni a fornire la guida necessaria ai leader che, ad esempio, hanno dovuto imparare rapidamente i vantaggi e gli svantaggi della gestione di team remoti. Inoltre, la soluzione Cornerstone garantisce ai leader visibilità e trasparenza sui bisogni dei propri team e sulle competenze acquisite, in modo da poter reagire rapidamente quando avvengono cambiamenti inattesi. 4) Opportunità formative e avanzamento L’accesso alle opportunità di apprendimento sul lavoro permette alle persone di migliorare. Una delle aziende intervistate ha affermato di aver modificato il messaggio lanciato al personale riguardo alla formazione e allo sviluppo. “Non è più l’azienda che ti dice cosa imparare: è il momento di fornire alle persone tempo e strumenti. Ora sono loro a dover trovare la propria strada”. Questo maggiore coinvolgimento porta a una maggiore soddisfazione della forza lavoro. Ma i vantaggi non sono solo per i dipendenti. Avere collaboratori soddisfatti si traduce in una maggiore capacità di trattenere le persone e ciò crea maggiori opportunità di mobilità interna. Un’organizzazione si è posta l’obiettivo del 50% delle promozioni con risorse interne, per cui ha sfruttato le soluzioni per la formazione e i contenuti di Cornerstone per consolidare le competenze e i percorsi di upskilling dei suoi dipendenti. Il rapporto completo Per quanto gli utilizzi di un LMS possano variare da un’organizzazione all’altra, i vantaggi sono chiari e confermati da ricerche di terze parti e dai clienti: il software LMS di Cornerstone ha la capacità di unire apprendimento, crescita, competenze e conoscenze in un’unica esperienza personalizzata per le organizzazioni e per i loro dipendenti. Ciò che può fare la differenza tra sopravvivere e prosperare. Per ulteriori dettagli sulla ricerca e l’analisi costi - benefici condotta da Forrester, clicca qui. L’ articolo originale è stato pubblicato sul blog UK.

Donne e lavoro: con la pandemia aumenta il divario di genere. Come invertire la rotta?

Post del blog

Donne e lavoro: con la pandemia aumenta il divario di genere. Come invertire la rotta?

Durante la pandemia, il peso della cura familiare e il venir meno delle reti di sostegno hanno portato a un peggioramento del già delicato work-life balance. E oggi a pagarne il prezzo più alto sono le donne, non solo in Italia Si chiama She-cession, recessione al femminile: è questo il termine coniato dalla stampa anglosassone per indicare le conseguenze negative della crisi economica da Covid-19, soprattutto sulle donne lavoratrici. In questi due anni di pandemia sono loro che hanno dovuto raddoppiare gli sforzi e scegliere tra lavoro e famiglia. Non si tratta, però, di una dinamica solo italiana, ma di una questione globale: nonostante le donne siano il 39% della forza lavoro nel mondo, esse rappresentano il 54% dei posti di lavoro persi. In Italia l’aumento delle disuguaglianze di genere sull’occupazione – disuguaglianza strutturale, visto che il tasso di occupati è oggi del 67,8% per gli uomini e del 49,5% per le donne – è certificato ormai ripetutamente dall’Istat, che ha registrato crescita zero per l’occupazione femminilea lo scorso ottobre 2021 (rispetto a settembre). Nell'anno dello scoppio della pandemia, il 2020, il tasso di disoccupazione femminile è sceso al 49%, dopo che nel 2019 aveva superato per la prima volta la soglia del 50% - mentre il divario rispetto a quello maschile è salito a 18,2 punti percentuali (contro il 17,9% del 2019). E soprattutto cala dopo sette anni di incrementi (nel 2013 si attestava al 46,5%). Penalizzate soprattutto le donne con figli e le lavoratrici part-time (per oltre il 60% di queste ultime, la riduzione dell'orario non è una scelta, e qui parliamo di quasi 2 milioni di lavoratrici). Rallenta anche la crescita delle imprese femminili, dopo un aumento costante dal 2014. Pochi progressi anche sul fronte dirigenziale: nel 2020 non vi è traccia di alcuna donna amministratore delegato nelle grandi aziende quotate nella Borsa italiana. Questi dati sconfortanti sono emersi dal Bilancio di genere 2021 (riferito all’anno 2020), presentato in Parlamento dalla sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra. Come ha sottolineato la sottosegretaria Guerra, rispetto alle crisi precedenti, l'impatto di quella pandemica è stato particolarmente negativo sulle donne: si è tradotto non solo in una significativa perdita di posti di lavoro in settori dominati dalla presenza femminile, come il commercio e il turismo, ma anche in condizioni di lavoro peggiori, in una accresciuta fragilità economica e in un conflitto vita-lavoro ancora più aspro del passato. Come invertire la rotta? L’opportunità nascosta della She-cession La perdita di milioni di posti di lavoro tra le donne a causa della crisi Covid potrebbe, però, trasformarsi in un'opportunità e diventare l’occasione per avviare una nuova e necessaria fase di rilancio, attingendo dal ricco bacino della popolazione femminile, come ci ha spiegato qualche tempo fa Odile Robotti, fondatrice e CEO di Learning Edge, nel corso di un suo webinar. Secondo Odile, le aziende devono mettere in campo una strategia per intercettare i talenti femminili “dispersi” e sfruttarne il grande potenziale. Come? Ecco alcuni semplici suggerimenti: Apprezzare e riconoscere esplicitamente il talento e la professionalità delle donne sul posto di lavoro Avviare processi di selezione del personale scevri da ogni pregiudizio di genere - e in questo la tecnologia e i software per il recruiting possono dare un grande contributo Curare l’onboarding con percorsi di formazione ad hoc - inclusi re-skilling e mentorship - anche grazie all’aiuto di strumenti e tecnologie appositamente sviluppate Valorizzare la maternità, non solo trattenendo le donne divenute madri, ma anche facilitandone il reinserimento nel mondo del lavoro Aiutare le donne a raggiungere il pieno potenziale, supportandole soprattutto nelle fasi di rientro a lavoro dopo un'assenza prolungat Assicurarsi che i dipartimenti HR garantiscano la parità di genere e promuovano la gender diversity all’interno della realtà aziendale.

La soluzione di  formazione virtuale  completamente  integrata

Scheda tecnica

La soluzione di formazione virtuale completamente integrata

Oggigiorno i dipendenti lavorano spesso in luoghi diversi e questo rende gli strumenti di apprendimento e comunicazione a distanza essenziali per il successo di un'azienda. La tua organizzazione deve quindi poter aiutare il personale a formarsi e a collaborare in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento. Saba Meeting fornisce strumenti di formazione di alta qualità e consente ai team di interagire in modo fluido. In sostanza è un'aula virtuale completamente integrata, che ti aiuta a creare eventi virtuali interattivi e coinvolgenti grazie a gruppi di lavoro, desktop, split screen e condivisione video, lavagne collaborative, sondaggi, chat testuale interna alla sessione, emoticon e molto altro.

Skills Building

Applicare i dati sulle competenze alle esigenze aziendali

Ricerca

Applicare i dati sulle competenze alle esigenze aziendali

Dalla ricerca dell'Institute for Future emerge un dato sorprendente: addirittura l'85% dei lavori che esisteranno nel 2030 non sono ancora stati inventati. Ora più che mai, i dipendenti devono sapersi adattare, sapersi riqualificare ed essere pronti per nuove sfide. Tuttavia, tutto questo non è possibile se non si ha un quadro completo delle competenze dei dipendenti, dei loro punti di forza, o di come valorizzare i loro talenti nascosti. Le competenze costituiscono il linguaggio universale che consente a tutte le organizzazioni di crescere e fiorire, e i dati sulle competenze permettono di comprendere, sviluppare e trovare i talenti necessari a rispondere alle esigenze dell'organizzazione. Inoltre, ci consentono di prendere decisioni fondamentali per l'azienda con maggiore velocità e sicurezza. Ma come possiamo ottenere queste informazioni? L'intelligenza artificiale (IA) per le risorse umane rivoluziona le regole del gioco L'intelligenza artificiale può davvero migliorare la scalabilità delle risorse umane, individuare i modelli comportamentali ricorrenti e offrire un'assistenza personalizzata dove e quando serve. Tramite l'IA, i responsabili HR e i dirigenti aziendali possono ampliare e aggiornare le competenze dei dipendenti per rispondere a nuove necessità e nuovi obiettivi e affrontare tutte le sfide future. Se adottano correttamente l'apprendimento automatico e l'intelligenza artificiale, oltre a un semplice tracciamento delle competenze, i datori di lavoro possono attivare prassi concrete di gestione dei talenti come mai prima d'ora. Nella relazione di Lighthouse Research & Advisory, basata su uno studio comprendente più di 1.000 datori di lavoro e migliaia di dipendenti, scoprirai: il concetto di dati sulle competenze come l'IA sia alla base di queste iniziative le applicazioni dei dati sulle competenze Scarica subito la relazione per scoprire come l'intelligenza artificiale e i dati sulle competenze offrono all'organizzazione informazioni più puntuali sul business e consentono di fare previsioni e di adattarsi concretamente alle evoluzioni dinamiche del mercato.

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

Video

Podcast

Prossimo webinar

Webinar on-demand

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

In collaborazione con l'Osservatorio HR Innovation Practice L’emergenza legata al Covid-19 e il ritmo incalzante di sviluppo e introduzione delle tecnologie digitali hanno accelerato l’evoluzione delle competenze e dei ruoli richiesti dal mercato. Oramai, infatti, le competenze acquisite durante il tradizionale percorso accademico diventano obsolete rapidamente e spesso non sono in grado di garantire l’employability di lungo periodo delle persone. Risulta quindi sempre più necessario che le organizzazioni adottino un approccio sostenibile al mondo del lavoro, creando le condizioni affinché le persone possano sviluppare la propria professionalità attraverso opportune attività di sviluppo e formazione. Il webinar presenta la percezione dei lavoratori in merito al futuro del lavoro, le azioni intraprese dalla Direzione HR nel garantire l’employability delle proprie persone e la diffusione di cultura e competenze digitali, concludendo con le caratteristiche chiave della formazione del futuro.

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

Ricerca

Guida

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

Il report creato dal Politecnico di Milano – Osservatorio HR Innovation Practice in collaborazione con Cornerstone OnDemand analizza: la percezione dei lavoratori in merito al futuro del lavoro le azioni intraprese dalla Direzione HR nel garantire l’employability delle proprie persone la diffusione di cultura e competenze digitali le caratteristiche chiave della formazione del futuro

Talent Strategy

Il Total Economic Impact™ di Cornerstone Learning and Content

Ricerca

Il Total Economic Impact™ di Cornerstone Learning and Content

“Cornerstone ha fornito alle persone gli strumenti per affrontare il cambiamento.” L'apprendimento è diventato uno strumento potente a sostegno di priorità aziendali critiche, ad esempio per promuovere l'innovazione, agevolare una trasformazione continua, estendere le conoscenze oltre i confini dell'azienda, ottimizzare l'esperienza dei dipendenti e creare la forza lavoro del futuro. La pandemia ha accelerato questo cambiamento, e poche aziende guardano ora al passato. Cornerstone ha incaricato Forrester Consulting di condurre uno studio Total Economic Impact™ (TEI) e di esaminare l’impatto e il ritorno sull'investimento (ROI) che le aziende possono ottenere con Cornerstone Learning and Content. Per meglio comprendere i vantaggi, i costi e i rischi, Forrester ha intervistato quattro responsabili delle decisioni con esperienza nell'uso di abbonamenti a contenuti di formazione. Gli intervistati hanno condiviso diverse esperienze sui vantaggi ottenuti dall'uso di Cornerstone Learning. Scarica il rapporto TEI di Forrester per leggere l'analisi completa.

Prosperare nella carenza di competenze

Ricerca

Prosperare nella carenza di competenze

La nuova realtà del lavoro sta producendo effetti a lungo termine (positivi e negativi) su organizzazioni e persone. Le organizzazioni che riescono a navigare in queste acque agitate e inesplorate devono il loro successo alla scelta di punta sullo sviluppo delle competenze dei loro addetti. Scopri come realtà di successo in tutto il mondo puntano sulle competenze per garantire che l'azienda e le sue persone possano prosperare nell'era post-pandemica, e come la tua organizzazione può fare lo stesso. Scarica l'e-book per scoprire: come le High Performing Organization si distinguono puntando sulle competenze il divario di fiducia fra datori di lavoro e dipendenti lo stato attuale dello sviluppo di competenze nel mondo tattiche concrete per distinguersi nello sviluppo delle competenze e diventare una HPO

Come introdurre una strategia dei talenti incentrata sulle competenze

Ricerca

Come introdurre una strategia dei talenti incentrata sulle competenze

È stato affermato che il 2020 abbia condensato tre anni di trasformazione digitale in soli tre mesi. Le fasi iniziali della trasformazione sono state incentrate sull'adattamento ai cambiamenti drammatici e improvvisi che ci hanno travolto, come ad esempio consentire alla forza lavoro di lavorare, comunicare e collaborare da remoto. Ormai è evidente che questo cambiamento è molto più permanente di quanto ci si aspettasse. Nell'attuale contesto di trasformazione aziendale continua, i ruoli si stanno modificando rapidamente e le competenze diventano obsolete prima. La tua organizzazione deve identificare, acquisire e sviluppare le competenze necessarie per evolvere, competere in mercati nuovi e prosperare. Come puoi quindi riqualificare il tuo personale in modo scalabile così da rimanere sempre competitivo invece di essere costantemente in rincorsa? In breve, offrendo opportunità di crescita professionale. Spesso, tuttavia, i dipendenti ritengono che sia più facile trovare un nuovo lavoro fuori dall'azienda che al suo interno. Inoltre, in molti casi la cultura dell'organizzazione ostacola la crescita professionale e la mobilità interna. Sviluppare una strategia dei talenti incentrata sulle competenze può aiutare a unire la crescita del personale con il successo aziendale. Questa guida delinea i quattro passaggi fondamentali di questa strategia. Approfondiamoli.

© Cornerstone 2022
Note legali