Post del blog

Learning Corner With Jeffrey Pfeffer: Why It’s Important to Include Age in Diversity and Inclusion Efforts

Jeffrey Pfeffer

Professor of Organizational Behavior, Stanford University

At Stanford University, during the 2018-2019 academic year, virtually every meeting of the faculty senate included a report—or two—on the university’s diversity efforts. Yet ageism was never addressed—and continues to go unnoticed. According to a faculty colleague, the former dean of the School of Engineering, who is now the Provost, appointed a strategy committee packed with young faculty members simply because, to use her highly inopportune phrase, "they are the future."

Clearly, diversity and inclusion are becoming a priority for all types of organizations. As of February 2018, diversity and inclusion roles, as a share of all job postings, were up by 35% from two years prior, according to Indeed. Meanwhile, PwC’s 18th Annual Global Survey noted that talent diversity and inclusiveness were now core components of competitiveness, and 77 percent of CEOs already had or intended to adopt a strategy that promotes D&I. Technology companies like eBay have even gone the extra step to regularly report their diversity statistics.

But, like with Stanford, virtually absent from most of these D&I conversations and action items is any mention of age. The arguments for valuing older employees are identical to the logic for emphasizing diversity and inclusion for other groups: In addition to being a matter of human rights (all people deserve equal opportunities and equal treatment), companies actually benefit from having a diverse workforce—and that includes diversity in age. After all, different perspectives often lead to more creative solutions and practices. Still, ageism in the workplace is a common and almost socially acceptable practice. It’s time for that to change.

Ageism Is Real

Ageism is a substantial workplace issue we need to address—especially because by 2022, more than one-third of the U.S. workforce will be over the age of 50.

In an AARP survey of adults over 45, 61% of respondents said that they had seen or personally experienced age discrimination. A review of academic studies of age bias in hiring and promotion concluded that "study after study has shown how employers... may not objectively evaluate job candidates’ potential productivity."

But it’s more than being passed over for career opportunities. A study by the Urban Institute found that of adults aged 51 to 54 who were employed full-time, some 56 percent subsequently experienced an employer-initiated involuntary job separation, with typically devastating financial consequences (not to mention psychological repercussions).

Much like racism and sexism, ageism not only harms its victims, but it also infects a company’s culture, creates a less inclusive workplace and deprives organizations of the talent they need to compete and innovate. And it’s why companies need to include age as they work on broader D&I initiatives.

Many Myths About Older Employees Are False

So what exactly is driving this discriminatory behavior? Stereotypes about older workers that are as pervasive—and harmful—as those about other demographic groups. But, as is often the case, these beliefs are inconsistent with the evidence.

Contrary to popular mythology, youth is not a key attribute for founding a successful business. One study found that the average age of entrepreneurs was 42. Even considering just the top 0.1% of startups based on revenue growth during the first five years, founders started their companies, on average, at age 45.

There’s also no evidence to suggest that age is related to productivity. Stephen Cole, a sociologist at SUNY Stony Brook, reported decades ago that mathematicians, who, it was assumed, did their best work while young, experienced "no decline in the quality of work... as they progressed through their careers." And another review of studies found that productivity was constant as scientists aged.

Such evidence suggests that companies can and do benefit from encouraging the hiring and retention of older workers, just as they can benefit from hiring and retaining women and people of color. In all of these instances, companies access a broader and better pool of talent.

Companies Should Expand Their D&I Efforts to Include Age

So how should we attack the problem? Fundamentally, research shows that measurement is important in influencing behavior. What gets measured gets managed. As companies increasingly report their D&I statistics for women, people of color and other groups, they should also report the data for the age distribution of their workforce.

There are other things companies can do as well. We know that language matters—that we see things, in part, by the way we refer to them—and that words can hurt. Many companies have banned racist, misogynist language and call out those who use terms that inflict psychological distress on others. A similar sensitivity to ageist language (even the use of more subtle terms like "energetic and fresh" or "digital natives" to describe a company’s ideal employees)—would be a nice step in the right direction. Stereotypes about older workers and disparaging comments about them remain too common, as numerous surveys attest.

When symphony orchestras wanted to hire more women, they did blind auditions where people could not see the gender of the person performing. When companies sought to build more inclusive workplaces, they focused on eliminating interview questions or signals that would not only harm someone’s chance of gaining employment, but also their likelihood of accepting an offer because the questions made them feel unwelcome. Consider taking dates off of resumes and banish questions that call into doubt someone’s energy or commitment just because of their age.

The parallels with other diversity and inclusion initiatives are many and direct. When companies do for age what they have already begun to do for race and gender, they will be well on their way to building a more diverse and welcoming workplace.

Until workplaces take ageism seriously, it will continue, depriving employers of wisdom, experience and talent, and inflicting unjust behavior on people simply because they have "too many birthdays."

Image: Creative Commons

Related Resources

Want to keep learning? Explore our products, customer stories, and the latest industry insights.

Donne e lavoro: con la pandemia aumenta il divario di genere. Come invertire la rotta?

Post del blog

Donne e lavoro: con la pandemia aumenta il divario di genere. Come invertire la rotta?

Durante la pandemia, il peso della cura familiare e il venir meno delle reti di sostegno hanno portato a un peggioramento del già delicato work-life balance. E oggi a pagarne il prezzo più alto sono le donne, non solo in Italia Si chiama She-cession, recessione al femminile: è questo il termine coniato dalla stampa anglosassone per indicare le conseguenze negative della crisi economica da Covid-19, soprattutto sulle donne lavoratrici. In questi due anni di pandemia sono loro che hanno dovuto raddoppiare gli sforzi e scegliere tra lavoro e famiglia. Non si tratta, però, di una dinamica solo italiana, ma di una questione globale: nonostante le donne siano il 39% della forza lavoro nel mondo, esse rappresentano il 54% dei posti di lavoro persi. In Italia l’aumento delle disuguaglianze di genere sull’occupazione – disuguaglianza strutturale, visto che il tasso di occupati è oggi del 67,8% per gli uomini e del 49,5% per le donne – è certificato ormai ripetutamente dall’Istat, che ha registrato crescita zero per l’occupazione femminilea lo scorso ottobre 2021 (rispetto a settembre). Nell'anno dello scoppio della pandemia, il 2020, il tasso di disoccupazione femminile è sceso al 49%, dopo che nel 2019 aveva superato per la prima volta la soglia del 50% - mentre il divario rispetto a quello maschile è salito a 18,2 punti percentuali (contro il 17,9% del 2019). E soprattutto cala dopo sette anni di incrementi (nel 2013 si attestava al 46,5%). Penalizzate soprattutto le donne con figli e le lavoratrici part-time (per oltre il 60% di queste ultime, la riduzione dell'orario non è una scelta, e qui parliamo di quasi 2 milioni di lavoratrici). Rallenta anche la crescita delle imprese femminili, dopo un aumento costante dal 2014. Pochi progressi anche sul fronte dirigenziale: nel 2020 non vi è traccia di alcuna donna amministratore delegato nelle grandi aziende quotate nella Borsa italiana. Questi dati sconfortanti sono emersi dal Bilancio di genere 2021 (riferito all’anno 2020), presentato in Parlamento dalla sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra. Come ha sottolineato la sottosegretaria Guerra, rispetto alle crisi precedenti, l'impatto di quella pandemica è stato particolarmente negativo sulle donne: si è tradotto non solo in una significativa perdita di posti di lavoro in settori dominati dalla presenza femminile, come il commercio e il turismo, ma anche in condizioni di lavoro peggiori, in una accresciuta fragilità economica e in un conflitto vita-lavoro ancora più aspro del passato. Come invertire la rotta? L’opportunità nascosta della She-cession La perdita di milioni di posti di lavoro tra le donne a causa della crisi Covid potrebbe, però, trasformarsi in un'opportunità e diventare l’occasione per avviare una nuova e necessaria fase di rilancio, attingendo dal ricco bacino della popolazione femminile, come ci ha spiegato qualche tempo fa Odile Robotti, fondatrice e CEO di Learning Edge, nel corso di un suo webinar. Secondo Odile, le aziende devono mettere in campo una strategia per intercettare i talenti femminili “dispersi” e sfruttarne il grande potenziale. Come? Ecco alcuni semplici suggerimenti: Apprezzare e riconoscere esplicitamente il talento e la professionalità delle donne sul posto di lavoro Avviare processi di selezione del personale scevri da ogni pregiudizio di genere - e in questo la tecnologia e i software per il recruiting possono dare un grande contributo Curare l’onboarding con percorsi di formazione ad hoc - inclusi re-skilling e mentorship - anche grazie all’aiuto di strumenti e tecnologie appositamente sviluppate Valorizzare la maternità, non solo trattenendo le donne divenute madri, ma anche facilitandone il reinserimento nel mondo del lavoro Aiutare le donne a raggiungere il pieno potenziale, supportandole soprattutto nelle fasi di rientro a lavoro dopo un'assenza prolungat Assicurarsi che i dipartimenti HR garantiscano la parità di genere e promuovano la gender diversity all’interno della realtà aziendale.

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

Ricerca

Futuro del lavoro ed employability: il ruolo della Direzione HR

Il report creato dal Politecnico di Milano – Osservatorio HR Innovation Practice in collaborazione con Cornerstone OnDemand analizza: la percezione dei lavoratori in merito al futuro del lavoro le azioni intraprese dalla Direzione HR nel garantire l’employability delle proprie persone la diffusione di cultura e competenze digitali le caratteristiche chiave della formazione del futuro

Il successo di un’azienda passa anche dal benessere delle persone.

Post del blog

Il successo di un’azienda passa anche dal benessere delle persone.

Secondo l’OMS, un “luogo di lavoro sano è quello in cui lavoratori e dirigenti, sulla base dei bisogni evidenziati, collaborano attivamente nell’ambito di un processo di continuo miglioramento per tutelare e promuovere la salute, la sicurezza e il benessere di tutti i lavoratori nonché la sostenibilità dell’azienda”. Ciò detto, soltanto il 9% dei lavoratori italiani dichiara di “stare bene” dal punto di vista fisico, sociale ed emotivo sul luogo di lavoro. Questo è quanto emerge dalla Ricerca 2022 dell'Osservatorio HR Innovation Practice del Politecnico di Milano (https://www.osservatori.net/it/ricerche/osservatori-attivi/hr-innovation-practice). In particolare, il fronte più critico è quello psicologico, per il quale l’impatto più forte è dato dalla cosiddetta “work intensification”, ossia la sensazione di essere sempre di fretta e in corsa contro il tempo. Non mancano, poi, gli episodi di ansia e/o stress per motivi legati al lavoro e, infatti, ben quattro persone su dieci dichiarano almeno un’assenza dal lavoro nell’ultimo anno per malessere emotivo. Queste preoccupazioni si riflettono anche sullo stato fisico, con difficoltà a riposare bene e frequenti episodi di insonnia (55%). Aspetto meno critico è invece la percezione di isolamento sociale rispetto ai colleghi, un elemento su cui negli ultimi 2 anni molte organizzazioni hanno attivato iniziative per non perdere il contatto con i lavoratori, spesso a distanza, e l’identità aziendale. In generale, i fattori che maggiormente causano stress sono i ritmi e il carico di lavoro, la difficoltà a conciliare le attività lavorative con le esigenze personali e le relazioni conflittuali con colleghi e responsabili. Creare un ambiente di lavoro positivo che supporti il ​​benessere dei dipendenti dovrebbe essere tra le priorità di ogni leader aziendale, anche perché il nesso tra benessere delle persone sul posto di lavoro e performance individuali e risultati aziendali è ampiamente documentato. Luoghi di lavoro “sani” portano a una maggiore motivazione e produttività, margini di profitto più elevati e a una maggiore fidelizzazione da parte dei dipendenti. Cosa fare, dunque, per migliorare il benessere dei dipendenti sul posto di lavoro? Ecco alcuni semplici (ma molto efficaci) suggerimenti. Offrire programmi strutturati di assistenza per i dipendenti (Employee Assistance Program, EAP) per fornire loro supporto in caso si trovino a dover affrontare problematiche di varia natura, inclusi ovviamente problemi sul posto di lavoro che possono essere la causa di ansia, stress o depressione. Aiutare i dipendenti a sviluppare la propria carriera e raggiungere i propri obiettivi nel lungo termine. È un modo fondamentale per incoraggiare il benessere dei propri collaboratori e fare in modo che si sentano soddisfatti del proprio lavoro. Nella maggior parte dei casi, il motivo principale per cui i dipendenti non investono nella formazione e nello sviluppo è la mancanza di tempo. Ed è qui che devono intervenire i manager per consentire ai propri talenti di dedicare tempo sufficiente alla formazione e allo sviluppo. Promuovere programmi di welfare e benefit aziendali per il benessere.L’attenzione alla salute, al benessere e in generale alla qualità della vita dei propri collaboratori è un fattore sempre più determinante. Per questa ragione oggi i programmi di welfare sono uno strumento davvero efficace a disposizione delle aziende per supportare l’equilibrio tra vita lavorativa e privata. Promuovere questi programmi significa contribuire a un generale miglioramento del benessere delle persone in azienda con conseguente aumento della motivazione e delle performance. Incoraggiare pause reali. Ahimè è uno spettacolo fin troppo comune quello di persone sedute alle loro scrivanie durante la pausa pranzo, che mangiano con una mano e digitano sulla tastiera con l'altra. Le pause reali e regolari sono fondamentali per il benessere ed è, quindi, molto importante incoraggiare i dipendenti a consumare il pranzo lontano dalla scrivania e a fare diverse pause nel corso della giornata. Creare un ambiente di lavoro confortevole. L’ambiente che ci circonda influisce notevolmente sul nostro benessere, ecco perché creare un ambiente di lavoro piacevole e confortevole influenzerà positivamente la salute fisica e mentale dei propri collaboratori. Scrivanie sit-stand, sedute ergonomiche e spazi benessere o dedicati alla socialità sono solo alcuni dei modi in cui è possibile migliorare l'ambiente di lavoro. Riconoscere il lavoro delle persone. Riconoscere e premiare i dipendenti per il loro lavoro può aumentare la fiducia e far sentire le persone apprezzate per il contributo che stanno portando in azienda. Che si tratti di un semplice "grazie" o di un riconoscimento per il completamento di un progetto, tanti sono i modi per dimostrare apprezzamento per il lavoro dei propri collaboratori e dare loro una spinta motivazionale in più. Incoraggiare i collaboratori a prendersi cura del proprio benessere. La creazione di una cultura che parli di salute e benessere e supporti i dipendenti nell'adozione di misure per migliorare se stessi incoraggerà il personale a dare priorità al proprio benessere. Ovviamente il work-life balance ne è una parte essenziale. Limitare gli straordinari, disattivare le notifiche nei fine settimana e la sera e incoraggiare periodi di vacanza nel corso dell’anno sono solo alcuni esempi di com’è possibile contribuire a mantenere un sano equilibrio all’interno dei team di lavoro. Ma il modo migliore è sempre il lead by example: se il manager conclude la propria giornata lavorativa alle 17:00, è più probabile che lo faranno anche i suoi collaboratori.

Prenota un incontro

Parla con un esperto di Cornerstone per stabilire come possiamo aiutarti riguardo alle esigenze specifiche di gestione del personale della tua organizzazione.

© Cornerstone 2022
Note legali