Blogbeitrag

Natale è davvero il periodo più bello dell'anno anche in ufficio?

Alicia Roy

Content Marketing Strategist

Fasci scintillanti di lucine colorate sulle scrivanie, montagne di pan di zenzero e canzoni natalizie di sottofondo… Questo periodo dell’anno tira fuori il meglio dalle persone anche sul luogo di lavoro, ma per altri un’eccessiva atmosfera di festa può avere l’effetto contrario rispetto a quello desiderato e rivelarsi esasperante e portatrice di innumerevoli distrazioni. Il segreto per trasformare questo periodo dell'anno in un’occasione per rafforzare lo spirito di squadra sta nell’adottare alcuni piccoli ma importanti accorgimenti. Ecco perché abbiamo voluto raccogliere alcuni suggerimenti su cosa fare e soprattutto cosa non fare in ufficio durante le festività natalizie.

La prima cosa da tenere bene in mente prima di immergersi completamente nel clima del Natale è che non tutti hanno lo stesso dilagante entusiasmo per questa festività. Anzi talvolta le persone hanno dei modi di vivere la festa tanto distanti quanto lo sono il Polo Nord e il Polo Sud! E anche i colleghi che sono grandi fan del Natale avranno punti di vista diversi su come festeggiarlo: l'enfasi dovrebbe essere posta più sui valori tradizionali come la generosità e la disponibilità verso il prossimo o dovrebbe riguardare solo gli aspetti più ‘pagani’ come il divertimento e l’attesa di Babbo Natale?

Indipendentemente dal modo in cui si sceglierà di vivere questo periodo di festa, si tratta di un'enorme opportunità per avvicinare i dipendenti e incoraggiare il propagarsi di una festosa allegria anche in ufficio! Come gli anniversari aziendali, la stagione delle feste diffonde nell’aria uno spirito di solidarietà e, se vissuta nel modo giusto, può farti acquisire molti punti come datore di lavoro!

Di seguito alcuni suggerimenti per vivere il Natale al meglio anche in azienda:

1. Canzoni natalizie

Cosa non fare: sorprendere i colleghi facendo partire a tutto volume "Last Christmas" degli Wham! e assicurarsi che ci sia un sottofondo ininterrotto di musica natalizia in modo che si crei maggiore coesione ed entusiasmo. Tutti lo adoreranno, vero?

Cosa fare: in tutta onestà, anche alla musica natalizia che si può sopportare c’è un certo limite. E più alto è il volume, più tutti in ufficio finiranno con l’esserne distratti. L’ideale è trovare il giusto compromesso, scegliendo dei momenti appropriati per far risuonare nell’aria la playlist natalizia, come per esempio la sera della festa di Natale.

Cornerstone style: nel nostro ufficio di Londra, la musica delle feste non può di certo mancare a dicembre, ma solo in cucina! Il volume è tenuto a un livello ragionevole e tutti la adoriamo.

2. Vin brulè

Cosa non fare: porta il tuo team ai mercatini di Natale e ordina un giro di vin brulè per tutti. Per tollerare il freddo qualcuno potrebbe però non fermarsi a un solo vin brulè e berne altri per scaldarsi. Sfortunatamente, come tutti sappiamo, l'alcol può giocare brutti scherzi alla memoria e quindi è meglio farsi dei selfie per catturare il momento. E poi la condivisione è importante! Perciò postiamo tutti quegli scatti su Facebook e Instagram affinché clienti e amici possano dare un'occhiata al ‘dietro le quinte’ dell'azienda. Probabilmente i colleghi ti perdoneranno se non sarai così produttivo nei giorni seguenti…

Cosa fare: durante la pausa pranzo, porta il tuo team al mercatino di Natale, specie se fai parte di un dipartimento di poche persone o se sei una piccola realtà. Insieme al vin brulè, regalatevi magari un waffle al cioccolato o delle caldarroste. Anche una passeggiata serale al mercatino di Natale dovrebbe essere mantenuta come un momento personale di socializzazione ed è meglio non lasciarsi sopraffare dal vin brulè!

Cornerstone style: in Cornerstone il venerdì trascorriamo sempre la pausa pranzo tutti insieme. Durante le feste, ogni venerdì invitiamo ciascuno a portare del cibo natalizio e, proprio come una vera famiglia, gustiamo tutti insieme le deliziose prelibatezze!

3. Decorazioni

Cosa non fare: se devi scegliere tra un cappello di Babbo Natale o un costume intero, la scelta più ovvia è indossarli entrambi. E fare appello a tutti i 5 sensi, accendendo candele rosse e dorate e decorando la stanza con mille lucine colorate per creare una personale casa di Babbo Natale! Certo, c'è anche l'albero a cui pensare: deve essere vero, grande, profumato e in bella mostra per accogliere idealmente tutti coloro che entrano in ufficio.

Cosa fare: un accenno di festosità crea una bella atmosfera che rende l'ufficio accogliente e aggiunge un pizzico di allegria. Ma la scrivania non è un salotto e quindi non dovrebbe essere sovraccarica di decorazioni, lo schermo dovrà comunque rimanere ben visibile! Gli abeti e le candele sono un pericolo, quindi meglio non rischiare. Optare per dei biscotti fatti in casa sarebbe il top!

Cornerstone style: in occasione del Natale organizziamo anche una piccola gara interna: un gruppo selezionato di giudici proclama la ‘migliore scrivania’ e il vincitore riceve un premio. Non solo questo aiuta a far sentire lo spirito del Natale anche in ufficio, ma si può dare sfogo alla creatività, divertendosi un po’.

4. Secret Santa

Cosa non fare: stupisci colleghi e collaboratori acquistando regali stravaganti per tutti. Assicurati che le persone capiscano quanto siano fantastici i tuoi regali non nascondendo il prezzo, del resto siamo nell'era della trasparenza, no? Non preoccuparti se le persone possono apparire imbarazzate, in realtà sono solo lusingate.

Cosa fare: definisci delle linee guida per il tuo Secret Santa in ufficio: invita le persone a partecipare (non dare per scontato che lo vogliano fare!) e stabilisci un budget ragionevole. In questo modo eviterai le facce imbarazzate di chi tende di solito a esagerare o di chi, al contrario, se ne dimentica completamente.
Cornerstone style: in Cornerstone chiediamo a un ‘elfo segreto di Babbo Natale’ di organizzare tutto e di fissare un budget limite di circa 5 euro per i regali. Scambiarsi dei piccoli doni è il momento culminante della nostra festa di Natale.

5. La festa di Natale

Cosa non fare: sei stato buono tutto l'anno, è tempo di scatenarsi alla festa di Natale! Scendi in pista e sfodera tutte le tue mosse migliori. O puoi approfittare del disarmante coraggio che ti ha regalato il vino del pranzo e lanciarti in suggerimenti spassionati al tuo capo su come potrebbe essere gestita meglio l’azienda. Non aver paura di essere troppo stravagante...dopotutto, non sarai in ufficio per qualche giorno e potrai ricominciare il nuovo anno con il botto!

Cosa fare: la festa di Natale è ovviamente pensata per essere un momento di condivisione e di divertimento per brindare all'anno appena passato e guardare con entusiasmo all’anno che verrà. Ma ci sono dei limiti, le persone che li superano condizionano anche gli altri e si sentiranno piuttosto in imbarazzo il ​​giorno dopo. La festa di Natale resta comunque un evento aziendale, non è certo una festa di addio al nubilato!

Cornerstone style: il Natale è una celebrazione cristiana, ma in Cornerstone ci sono dipendenti che professano molte altre religioni e, ovviamente, non vogliamo in nessun modo che qualcuno si senta escluso. Ecco perché ci piace festeggiare insieme non solo a Natale, ma anche in altri momenti dell'anno.

Un po’ di attenzione qua e là per raggiungere il giusto equilibrio nei festeggiamenti natalizi è l’ideale per rinforzare lo spirito di squadra. E non dimenticare i clienti, sarai senz’altro ripagato!

Related Resources

Want to keep learning? Explore our products, customer stories, and the latest industry insights.

HR heute – Reicht der Obstkorb noch? Was müssen wir noch alles bieten?

On-Demand-Webinar

Video

HR heute – Reicht der Obstkorb noch? Was müssen wir noch alles bieten?

Im Zuge des an Dramatik zunehmenden Fachkräftemangels und befeuert durch die Erfahrungen während der Corona-Pandemie scheinen die Erwartungen der Mitarbeitenden an ihre Arbeitgeber drastisch zu steigen. Für Arbeitgeber stellt sich daher die brennende Frage, was sie bieten müssen, um Mitarbeitende zu gewinnen und zu halten. Wir stellen Ihnen zusamnmen mit Prof. Dr. Armin Trost einen strategischen Rahmen vor, Ihnen hilft, sich im Wettrüsten um attraktive Arbeitsbedingungen zu positionieren: •Was bedeutet es, ein attraktiver Arbeitgeber zu sein und wie sehr kommt es auf einzelne Aspekte, wie Homeoffice, Weiterbildungsmöglichkeiten, Gehalt, Führung etc. an? •Was müssen Arbeitgeber bieten und was dürfen sie fordern? •Wie authentisch sollte das Arbeitgeberversprechen sein, vor allem dann, wenn die Arbeitsbedingungen weniger attraktiv sind? •Welche Rolle spielen Lernen, Entwicklung und die aktive Gestaltung der Arbeitswelt durch die Mitarbeitenden? •Was ist die Rolle von HR und des Fachbereichs? Wie können die Verantwortlichkeiten beider Seiten balanciert werden? Nutzen Sie die Möglichkeit, um Impulse zur Gestaltung der neuen Arbeitswelt zu erhalten

So bauen Sie motivierte und leistungsstarke Teams auf

Video

So bauen Sie motivierte und leistungsstarke Teams auf

Eine schnelle wirtschaftliche Erholung hängt von einer motivierten Belegschaft und guten Managern ab. Wir zeigen Ihnen, wie Sie die Digitalisierung vorantreiben, in Kontakt bleiben und relevante Informationen konsolidiert zur Verfügung stellen können. Erfahren Sie, wie Sie Cornerstone Check-Ins einsetzen sowie die Zusammenarbeit beim Remote-Working fördern können.

HR-Performance-Management 2020

Video

HR-Performance-Management 2020

Vereinbaren Sie ein persönliches Gespräch

Sprechen Sie mit unseren Cornerstone-Expert:innen und erfahren Sie, wie wir Ihnen bei Ihren individuellen Anforderungen in puncto Personalmanagement helfen können.

© Cornerstone 2022
Impressum