Canon: Aumento delle assunzioni interne del 25% e del coinvolgimento dei candidati ad alto potenziale
Case Study

Canon: Aumento delle assunzioni interne del 25% e del coinvolgimento dei candidati ad alto potenziale

March 1, 2019

Con i suoi prodotti Canon permettere agli individui e alle aziende di realizzare il proprio potenziale in nuovi, straordinari modi. Famosa soprattutto per i suoi prodotti fotografici, Canon fornisce anche servizi di gestione dei documenti e delle informazioni, servizi di stampa 3D, tecnologie a realtà mista e soluzioni di elaborazione delle immagini in campo medico ai clienti di tutto il mondo.

Canon Europe ha più di 18.000 dipendenti in 22 uffici. Tuttavia, a causa del continuo impiego di processi prettamente manuali, l’azienda aveva poca visibilità sui bisogni e sulle tendenze relative allo sviluppo dei talenti. Nell’ambito di una grande iniziativa di trasformazione, Canon ha istituito diversi programmi di sviluppo che includono l’aggiornamento delle pratiche HR di base, ad esempio la gestione delle performance e lo sviluppo dei dipendenti e della leadership.

“I nostri processi HR differivano notevolmente da regione a regione. Mentre lasciamo alla responsabilità locale le modalità di applicazione delle pratiche HR nei singoli mercati, la mancanza di uniformità ci impediva di stabilire le priorità in termini di gestione dei talenti valide per tutte le regioni” spiega Patrizia Seifert, Talent e Resourcing Director EMEA a Canon Europe. “Per la gestione dei talenti utilizzavamo principalmente Excel e Word”.

Non solo questi processi locali erano inefficaci, ma erano anche costosi. “Stavamo spendendo moltissimo denaro in una serie di attività di formazione e sviluppo dei talenti, ma non riuscivamo a raggiungere il ROI che ci eravamo prefissi”, aggiunge Seifert. “Era anche evidente un’alta percentuale di abbandono nei gruppi ad alto potenziale a causa della mancanza di visibilità e dell’accesso a opportunità di formazione e di carriera”.

Perché Cornerstone

Alla ricerca di una soluzione SaaS di gestione dei talenti, Canon ha esaminato le proposte di numerosi fornitori. Canon aveva bisogno di una soluzione unificata che potesse assicurare l’uniformità delle esperienze di gestione della formazione e delle performance per tutti i dipendenti.

“Una delle value proposition più interessanti è stata quella di Cornerstone, che consentiva l’integrazione dell’intero processo di talent management. Questa soluzione ci avrebbe consentito di gestire l’intero ciclo di vita del dipendente senza dover acquistare sistemi diversi”, prosegue Seifert. “Cornerstone inoltre era abbastanza flessibile da adattarsi alle nostre necessità e offriva supporto completo per l’approccio alla gestione dei talenti guidata dai dipendenti stessi”.

Canon quindi ha implementato i seguenti programmi: Formazione, Performance e Successione. Seifert e il suo team hanno già notato miglioramenti tangibili nella formazione, nelle performance e nel coinvolgimento dei dipendenti. Seifert attribuisce il merito di questi risultati alla piattaforma, al team di assistenza ai clienti di Cornerstone e naturalmente alle modifiche dei processi interni realizzate in tutte le regioni. “Con Cornerstone, abbiamo stabilito una partnership. Abbiamo un’ottima comunicazione con il team, che continua a condividere i migliori metodi di lavoro e le best practice. Sin dall’inizio ci hanno permesso di assumere il controllo del processo e di collaborare attivamente”.

Risultati

Attuazione di una formazione più autonoma con un maggiore ritorno sul denaro investito. Seifert, Pieterse e i loro team ora possono offrire opportunità di formazione standardizzate che consentono ai dipendenti di giocare un ruolo attivo nel proprio sviluppo. “Cornerstone ci ha aiutati a passare da un approccio alla formazione eterogeneo e localizzato a un approccio in cui tutte le business unit e i mercati sono allineati. Grazie a Cornerstone, notiamo che i dipendenti prendono più iniziative. Non aspettano più che sia l’azienda a decidere il loro futuro e assumono un ruolo attivo nel proprio sviluppo”, dice Pieterse.

Gestione delle performance standardizzata e migliore tasso di completamento delle verifiche. Prima di Cornerstone, i processi di gestione delle performance di Canon non erano standardizzati in tutte le 22 regioni in cui è presente l’azienda. Oggi, Canon impiega criteri di gestione delle performance uniformi e rende trasparenti le priorità fondamentali a tutti i livelli, iniziando dal CEO. Per il 60% dei dipendenti esiste un legame evidente tra la visione aziendale e il proprio lavoro. I dipendenti inoltre sono più coinvolti nel processo di valutazione. “Quest’anno l’84% dei dipendenti ha stabilito i propri obiettivi”, ha detto Seifert.

Creazione di una pipeline dei talenti. La precedente strategia di Canon che affidava ad agenzie esterne la ricerca talenti era costosa e non considerava i talenti già presenti in azienda. “Le regioni volevano potere attingere a una base di talenti appropriata per i ruoli chiave, ma le procedure interne di selezione si basavano su dati locali residenti su fogli di calcolo”, prosegue Seifert. “Grazie a Cornerstone, abbiamo accesso in tempo reale ai curriculum e ai piani di carriera di tutti i dipendenti. Di conseguenza abbiamo aumentato la percentuale delle nomine per via interna”.

Fidelizzazione dei dipendenti ad alto potenziale. Una delle sfide principali di Canon era l’alto tasso di abbandono dei dipendenti ad alto potenziale a causa della carenza percepita di opportunità di crescita. “Ora l’azienda ha stabilito chiaramente la propria visione di talent management. Non è più un’attività nascosta”, conclude Seifert. “I dipendenti possono assumere il controllo della propria carriera ed è migliorata la percezione delle opportunità di carriera offerte”.